Mappa di Google - Niger

In Niger il clima è desertico al nord, semidesertico al centro, e semi-arido della savana al sud. Le piogge infatti aumentano man mano che si procede verso sud, a causa del monsone africano, che porta umidità e corpi nuvolosi dall'Oceano Atlantico da giugno a settembre.

Precipitazioni nel Niger

Il nord, occupato dal deserto del Sahara, è mite o piacevolmente caldo in inverno, e torrido nel resto dell'anno, ed è quasi sempre soleggiato.
Ecco le temperature medie di Bilma, situata nel nord-est, a 350 metri di quota.
Temperature medie - Bilma
BilmaGenFebMarAprMagGiuLugAgoSetOttNovDic
BilmaJFMAMGLASOND
Min (°C)8101519232425252218129
Max (°C)242832374141403939363025

Le piogge al nord sono rare e sporadiche, comunque si possono verificare rari rovesci nel periodo estivo. Ecco le precipitazioni medie a Bilma.
Precipitazioni medie - Bilma
BilmaGenFebMarAprMagGiuLugAgoSetOttNovDicAnno
BilmaGFMAMGLASONDA
Prec. (mm)100111310520024
Giorni0000011110004

In inverno, nell'altopiano del Djado e nel Massiccio dell'Aïr, ma qualche volta anche nel Deserto del Teneré, le notti possono essere fredde, con punte intorno allo zero, mentre di giorno le temperature sono decisamente più elevate, intorno ai 20/25 gradi. In inverno soffia l'harmattan dal centro del Sahara, sollevando nugoli di polvere e oscurando il sole, soprattutto a partire da gennaio. Sulla cima dell'Aïr, nel Monte Idoukal-n-Taghès, alto 2.022 metri, le gelate notturne sono frequenti. Nel resto dell'anno nel nord regna il caldo torrido, almeno a bassa quota, con massime intorno ai 40 gradi da aprile a settembre, e punte di 50 °C.

Deserto del Teneré

La fascia centro-meridionale, detta Sahel, riceve delle piogge nei mesi estivi, nell'ambito del monsone africano. La parte più settentrionale, al confine con la fascia precedente, è ancora di fatto desertica e riceve piogge poco abbondanti: nel massiccio dell'Aïr e ad Agadez si superano di poco i 100 millimetri all'anno, con un massimo ad agosto (quando ad Agadez cadono 55 mm di pioggia). Nella parte centrale, che comprende anche la zona del lago Ciad nell'estremo est, siamo intorno ai 250/300 mm annui.
La mappa in alto mostra le isoiete (linee che indicano uguale precipitazione) relative alla quantità annua di pioggia di 100 e 600 millimetri.
Come si può vedere, bisogna scendere nella fascia più meridionale per trovare piogge di una certa consistenza. Nella capitale Niamey cadono 585 millimetri di pioggia all'anno, con i primi sporadici rovesci pomeridiani o serali già a maggio, che aumentano progressivamente fino ad agosto, quando totalizzano 205 millimetri, per poi diminuire a settembre e cessare all'inizio di ottobre. Ecco le precipitazioni medie.
Precipitazioni medie - Niamey
NiameyGenFebMarAprMagGiuLugAgoSetOttNovDicAnno
NiameyGFMAMGLASONDA
Prec. (mm)01173585140205902010585
Giorni001146913720043

A Niamey e nelle altre località meridionali anche le temperature hanno un andamento diverso rispetto al nord. L'inverno è più caldo, tanto che le massime superano i 30 gradi anche a gennaio, qualche volta può fare freddo di notte ma non si toccano gli zero gradi del nord, ma al massimo i 7/8 °C. Il riscaldamento primaverile è molto rapido e intenso, tanto che già a marzo si toccano i 40 gradi e a maggio si possono superare i 45 °C, ma poi il monsone, con le correnti e la nuvolosità proveniente dall'oceano, abbassa la temperatura estiva, a prezzo però di un aumento dell'umidità: ad agosto le massime tornano a 33 gradi come in inverno, anche se le minime sono più alte e l'umidità rende il caldo afoso. Passato il monsone, c'è tempo per un ritorno del caldo torrido con 36/38 gradi ad ottobre e novembre, prima dell'inverno, che porta un po' di fresco, quantomeno di notte.
Ecco le temperature medie di Niamey.
Temperature medie - Niamey
NiameyGenFebMarAprMagGiuLugAgoSetOttNovDic
NiameyJFMAMGLASOND
Min (°C)161923272826242324242017
Max (°C)333639414037343334383633

In inverno il cielo è sereno, anche se il sole può essere velato a causa dell'harmattan, che solleva una polvere sottile in grado di rendere il cielo bianco e di penetrare dappertutto. Il centro-sud del Niger è una delle zone più colpite dall'harmattan di tutto il Sahel.
Ad est della capitale, località come Maradi e Zinder hanno un clima simile a quello di Niamey.

Moschea di Niamey

All'estremo sud le piogge diventano ancora più consistenti, tanto che si superano i 600 millimetri l'anno, e dunque si è al di fuori dalla fascia del Sahel. A Gaya cadono 825 millimetri di pioggia all'anno, di cui già 70 mm a maggio, e 250 mm ad agosto. Qui il paesaggio nei mesi estivi diventa decisamente verde. Il mese più caldo all'estremo sud è aprile, perché già a maggio la temperatura comincia a diminuire, mentre in estate il caldo è tropicale, fastidioso per l'afa più che per la temperatura.

Viaggi- quando andare

Il periodo migliore per recarsi nel Niger è l'inverno, da dicembre a metà febbraio, quando il sole splende il tutto il Paese, l'aria è secca e le temperature sono in genere accettabili. Al sud di giorno può fare molto caldo anche in questo periodo, ma le notti permangono fresche. Al nord può fare freddo di notte, mentre di giorno la temperatura è mite o piacevolmente calda. A gennaio le tempeste di sabbia si fanno più frequenti, e a febbraio il caldo comincia ad aumentare al sud, puntando verso i 40 gradi, quindi tutto sommato il mese migliore è dicembre.

In valigia- cosa portare

In inverno: vestiti leggeri per il giorno, coprenti e in tessuto naturale (cotone o lino), turbante per il deserto e per il vento dal deserto, occhiali da sole anche graduati al posto delle lenti a contatto (per via della sabbia), una giacca e un maglione per la sera, scarponcini da deserto o sandali, felpa o maglione per navigare sul Niger.
In estate: per il deserto: vestiti leggerissimi, coprenti e in tessuto naturale (cotone o lino), turbante da deserto, occhiali da sole. Una felpa per la notte, sacco a pelo per i pernottamenti all'aperto. Per Niamey e il sud, vestiti leggeri, ombrello o impermeabile leggero per i rovesci. Per le donne è meglio evitare calzoncini e minigonne.